Recensione di “The Haunting of Bly Manor”, la nuova serie Netflix

Bentornati sul blog, amici.

Oggi vorrei parlare un po’ di serie televisive perché ho da poco concluso la visione della seconda stagione della serie “The Haunting”, ovvero “The Haunting of Bly Manor”.

In questa seconda stagione ci troviamo in un maniero disperso nelle campagne inglesi, dove Dani, una giovane donna, si trasferisce per svolgere il ruolo di educatrice di due bambini rimasti orfani. Si scoprirà ben presto che la casa e la tenuta circostante sono infestati da strane presenze, fantasmi rimasti intrappolati nei confini di Bly Manor a seguito di un antico “sortilegio”, su cui lo spettatore avrà maggiori informazioni soltanto nella penultima puntata.

Storia d’amore o di fantasmi?

Per parlare di questa stagione mi sento di partire da una battuta pronunciata nell’ultima puntata. “Questa non è una storia di fantasmi, è una storia d’amore”.

Perché, paradossalmente, la storyline romantica è l’unica cosa che funziona in The Haunting of Bly Manor, è l’unico motivo per cui l’ultimo episodio ti emoziona. Il mood nostalgico dell’episodio conclusivo è l’unico bagaglio – e non scherzo – che mi porto dietro dopo aver visto questa serie – che doveva essere horror – che si è rivelata un fallimento sotto tanti punti di vista.

I problemi di “The Haunting of Bly Manor”

Per me di problemi nella serie ce ne sono a bizzeffe. Faccio prima a dire che la Pedretti come protagonista è stata molto brava (e una menzione la faccio anche a T’nia Miller nel ruolo di Hannah Grose) e che la fotografia era molto bella. Il resto non mi è piaciuto.

Prima di tutto, non c’è una scena in tutta la serie che fa davvero paura. E non so se è un bene per una serie horror.

A questo va aggiunto che la trama è stata chiarita allo spettatore con due enormi spiegoni nel terzultimo e nel penultimo episodio e quando la trama viene spiegata con due infodumb così evidenti significa che qualche errore nello storytelling si è compiuto.

E poi, devo dirlo, per me il problema principale è che il secondo, il terzo, il quarto e il quinto episodio sono talmente lenti che potevano essere riassunti. Se fosse stata una serie di sei episodi non dico che sarebbe stata un capolavoro, ma non ci avrebbe rotto le palle per quattro ore piene (almeno).

Conclusione

Quindi, che dire? Netto passo indietro rispetto alla prima stagione. Spero davvero di vedere una stagione più simile a “Hill House” l’anno prossimo. Bly Manor è stato un mezzo (forse sono anche generoso) flop.

L’avete vista? Che ne pensate?

9 pensieri riguardo “Recensione di “The Haunting of Bly Manor”, la nuova serie Netflix

  1. Non so quando avrò il tempo di scriverne anche io, ma sono totalmente d’accordo con te: gli ultimi due episodi sono gli unici che mi sono piaciuti davvero, perché sono gli unici che mi hanno trasmesso qualcosa. La storia di Viola, con la ripetizione ossessiva di “sleeping, waking, walking” dà il senso di cosa deve essere la vita di un fantasma secondo la mitologia della serie, e l’ho trovato tragico come, secondo me, ogni buona ghost story dovrebbe almeno in parte essere. E l’ultimo episodio ti strappa il cuore, letteralmente; l’ho adorato! Ma cos’anno contro la Pedretti che non riesce mai a portare a casa la pellaccia?

    Per il resto, i colpi di scena si vedono arrivare da lontanissimo (se li ho visti io allora erano proprio palesi), la magione avrebbe potuto essere suggestiva ma non è stata sfruttata come avrebbe potuto, e poi c’è l’errore capitale, che citi anche tu: non fa paura, mai. Hill House mi aveva quasi provocato un paio di buoni infarti, e nel resto del tempo si sentiva l’angoscia, l’ansia, l’inquietudine; qui proprio nulla.

    C’è da dire anche che a un certo punto ho rischiato crisi cardiorespiratorie ogni volta che la bambina apriva bocca; un altro “peeerfectly splendid” e andavo fuori di testa! A suo tempo si erano scritte pagine di polemiche perché il bambino di Molto forte, incredibilmente vicino non parlava come un bambino vero, questa qui si esprime come Jane Austen e sta bene a tutti!

    Hannah TOP! Best character! Look stupendo e ottima interpretazione, l’ho adorata! Anche se, di nuovo, il suo colpo di scena lo capisci già nel primo episodio.

    Spero che una terza stagione, se mai dovessero farla, si avvicini più a Hill House.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...