Dicembre è il mese della nostalgia

Credo che non ci sia momento più duro dell’anno, quanto a nostalgia, del nostro caro (?) Dicembre. Arrivano le festività, quelle con la F maiuscola, quelle che, per noi che siamo cresciuti in un paese intriso di tradizione, ma che è cambiato drasticamente negli ultimi anni, sono ancora capaci di rappresentare qualcosa. Le feste hanno un valore simbolico molto forte e ci portano inevitabilmente a vagare coi ricordi.

Penso che l’approcciarsi del Natale, infatti, conduca essenzialmente a due cose: pensare ai regali e al cibo del cenone e ricordare il passato. Ricordare un passato di cene in famiglia, un passato di abbracci, sorrisi, musica inflazionata e giocate a carte.

Dicembre si rivela essere sempre quel mese in cui ogni piccola cosa ti riporta indietro nel tempo, ricordandoti com’eri prima e facendo riaffiorare i volti dei tuoi cari, segnati da meno rughe ma con un aspetto sempre inevitabilmente familiare. Ti riporta alla mente le persone che hai perso e che non potrai rivedere, e le persone che un tempo significavano qualcosa e ora non sono altro che estranei.

È quel mese in cui ogni film potrebbe farti piangere e ogni libro sognare. È quel mese in cui speri che la magia del natale distrugga ogni ansia per gli esami imminenti e finisci immerso in un mondo fiabesco anche solo per un secondo.

sad

Dicembre è quel mese in cui ti riprometti di essere forte e di non pensare a quello che ti manca, ma nel momento in cui sei in compagnia dei tuoi commensali, invece, vuoi o non vuoi, ti ritrovi a pensare a chi non c’è. Che sia una persona fisica o una persona immaginaria, che sia solo un desiderio di amore o qualcosa di più concreto.

È quel mese in cui vorresti comprare ogni genere di ciarpame e la tua testa a volte ti porta in confusione. È quel periodo dell’anno in cui ti alzi dal letto e non sai quali sono le tue preoccupazioni, ma è anche quel momento in cui, se le cose vanno davvero male, è più difficile farsi forza.

Dicembre è, purtroppo, anche momento di bilanci. Si pensa sempre a quello che non è andato e si ha nostalgia delle feste degli anni passati, di un tempo che, nei ricordi, è sempre stato un po’ meglio di quello che stiamo vivendo nel nostro presente…

2 commenti

  1. Una bella considerazione, con cui mi trovo d’accordo. Purtroppo ho notato che, almeno per me, in passato dicembre era momento di gioia e spirito natalizio, mentre negli ultimi anni è diventato soprattutto tempo di nostalgia e anche di stress. A volte vorrei tornare a quando ero bambina!

    Piace a 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...