Recensione in anteprima de “Il guardiano e la bambina” di Vittorio Larovere

Buongiorno, amici lettori e ben ritrovati sulla mia pagina.

Oggi torniamo a recensire libri e lo facciamo, parlando de “Il guardiano e la bambina“, romanzo fantasy edito da BookRoad di Vittorio Larovere, che ringrazio per la copia di cui mi ha omaggiato.

La trama:

51nJUmILgCL._SX331_BO1,204,203,200_

Nella terra di Edel un marchingegno magico individua il sovrano di diritto. Purtroppo, però, da anni, la Signora Aelhe impedisce a tutti i potenziali successori di essere nominati e di sostituirla al governo, sequestrandoli e condannandoli a morire a causa di una maledizione che fa cessare l’esistenza di coloro che non compiono il proprio destino.

Il Sapiente, il meccanismo magico che sceglie il sovrano di diritto, nominerà, a un certo punto, una bambina in qualità di successore di Aelhe. La bambina, Emia, si troverà a vivere un avventuroso viaggio insieme a un ragazzo, Anter, che, quasi per caso, legherà il proprio destino a quello della bambina e affronterà numerosi pericoli per proteggerla dagli scagnozzi della Signora Aelhe.

Il mio giudizio:

Mi sento di iniziare questa recensione facendo i miei complimenti all’autore. Ho trovato il suo stile impeccabile. Molto tradizionale, ma curato in ogni minimo dettaglio. Il periodare è raffinato, mai pesante e riporta alla mente tantissimi romanzi fantasy che hanno plasmato milioni di lettori di questo genere.

E’ un romanzo che ha una componente dell’heroic fantasy ma che, a causa della predestinanzione che sembra condurre i protagonisti verso un finale positivo, ha anche del fiabesco.

Ciononostante, mi ha colpito il finale, che è sì un finale che apre le porte alla speranza ma che non si rivela il solito, banale epilogo positivo e stucchevole.

Un altro aspetto che mi è piaciuto del romanzo di Vittorio è il worldbuilding. Credo che abbia davvero creato un mondo intrigante, senza strafare, inventando nuovi elementi fantasy che rendono la sua storia originale.

Una riflessione sulla morte:

Una tematica molto importante del romanzo di Vittorio è la morte.

Su Edel morire eroicamente è il più grande onore e sembra che tutti progettino questo momento finale. Insomma, una sorta di ribaltamento al positivo di quella che è la comune concezione del giorno fatale per le persone comuni.

Tuttavia, “Il guardiano e la bambina” è un viaggio che insegna – soprattutto per il tramite del personaggio di Mulvar – ad apprezzare la vita. 

Per certi versi, si tratta di un romanzo di formazione sulla morte e sulla vita. La storia ci porta a riflettere su ciò che dà senso all’esistenza e a tutti i motivi per cui vale la pena continuare a combattere. Una vita semplice, le piccole cose valgono molto di più di una morte eroica.

Lo consiglio?

Consiglio il libro a tutti gli amanti del fantasy tradizionale. Non potrete che apprezzare una storia ben congegnata, un mondo fantasy inedito e un’avventura che terrà incollati alle pagine.

Potete acquistarlo a questo link! 

2 pensieri riguardo “Recensione in anteprima de “Il guardiano e la bambina” di Vittorio Larovere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...