Riviviamo i migliori momenti della saga di Spiderman, in attesa del nuovo reboot

Una saga che ho sempre particolarmente amato è quella dedicata all’uomo ragno, specialmente per merito delle trasposizioni cinematografiche, che hanno reso iconico il personaggio di Spiderman nell’immaginario di ogni nerd che si rispetti.

Finora abbiamo visto due distinte saghe, una diretta da Sam Raimi e con protagonista Tobey Maguire e un’altra diretta da Marc Webb con protagonisti Andrew Garfield ed Emma Stone (quest’ultima purtroppo monca del capitolo finale, annullato in vista di un terzo reboot).

Gli appassionati dello Spiderman cinematografico hanno un affetto particolare per la saga con Maguire protagonista, avendo considerato più genuino e più tagliato per la parte l’attore di Santa Monica (tra l’altro californiano come il successore), con il suo look che si potrebbe definire senza troppi giri di parole “sfigato” e il fisico esile di chi, senza poteri, non avrebbe mai potuto farsi valere.

Tuttavia ritengo vadano apprezzati anche i due film targati Marc Webb, che hanno regalato – senza dubbio – la relazione amorosa più convincente. Peter e Gwen Stacy in The Amazing Spiderman fanno impallidire la schizofrenica vicenda che lega Mary Jane e Peter nella prima saga. Rimane il fatto che proprio le love story in questi film facciano scaturire le più pesanti critiche ai lungometraggi di Spiderman, che, da alcuni, vengono visti come dei teen movies abbelliti da alcune scene di azione e da copiosi e dispendiosissimi effetti speciali.

In realtà il filo conduttore dei rapporti amorosi e l’atmosfera da teen movies credo sia inevitabile, alla luce della scelta di portare sullo schermo i primi passi dell’eroe mascherato, che è ancora un liceale all’inizio della storia (e in Spiderman Homecoming sarà ancora più teen lo stesso protagonista). Per queste ragioni tendo a dire che le critiche ai film (sia della prima che della seconda saga) sono state eccessive e troppo dure e che, nel complesso, sia Raimi che Webb abbiano portato una ventata di divertimento a tutti i fan del genere.

Finita la premessa, è opportuno spendere alcune parole su tutti i momenti che mi hanno più colpito in questi cinque film, proponendo un’inedita “Top Six Spiderman’s moments”:

spid

 

6. La morte dei genitori di Peter in The Amazing Spiderman – il potere di Electro

Nell’ultimo film in ordine cronologico viene dato spazio a qualcosa che era rimasto ignoto in tutte le altre pellicole. Vediamo finalmente i momenti finali della vita dei genitori di Peter, che poi scopriremo essere in fuga a causa dei pericoli che gravavano sull’umanità per le scoperte realizzate dallo stesso Richard Parker (padre del futuro supereroe e ricercatore alla Oscorp). Approfondire questo aspetto, per me, era doveroso e ci fa capire di più di ciò che è alla base della storia che poi vedrà protagonista Peter e del perché solo su di lui il potere del “ragno” sia riuscito ad attecchire.

 

spiddsaa

 

5. Mary Jane dichiara il suo amore a Peter in Spiderman

Credo che il momento in cui Mary Jane rivela il suo amore a Peter e Peter afferma che non può stare con lei, pur amandola, è uno dei momenti clou dell’intera prima saga. Sarà il punto di svolta, che segnerà definitivamente la relazione fra i due, che si rincorreranno, restando sempre delusi, incapaci di capire come far funzionare la loro storia d’amore, le cui ultime scene narrate lasceranno tutto all’immaginazione dei fan, ignari dell’esito dei loro tentativi di stare insieme e trepidanti per un lieto fine mai concretamente mostrato sul grande schermo.

 

spiddd

 

4. Petere uccide il presunto assassino di zio Ben in Spiderman

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità, no? Bene, questo è uno dei momenti in cui Spidey sembra venire meno alle sue responsabilità e decide di agire impulsivamente, con la frenesia della vendetta. Una frenesia che lo porta a commettere un errore che probabilmente ridefinirà la sua persona e renderà il super-eroe interpretato da Maguire un personaggio tridimensionale, in cui i lati oscuri non saranno affatto secondari.

 

spiddddd

 

3. Spiderman viene “corrotto” dal parassita alieno in Spiderman 3

Quando il parassita assale Peter e questi si ritrova con la sua tuta da Spiderman completamente nera assistiamo davvero a un momento epico. Ci chiediamo se davvero Spiderman sia pronto a passare al lato oscuro e a lasciare dietro di sé i sani valori e la stessa Mary Jane. Tuttavia, a prevalere sarà – come in ogni film di super-eroe che si rispetti – l’anima buona di Peter, che si libererà del parassita e del completo total black per tornare a salvare le persone di Manhattan ma anche la sua vita e i rapporti sgretolati con chi aveva attorno.

 

spidddddd

 

2. Harry si sacrifica per salvare Spiderman in Spiderman 3

Harry ha finalmente capito che Peter non ha ucciso il padre e allora decide di sacrificarsi, di dare la sua vita perché l’amico continui a lottare contro le temibili minacce che mettono a repentaglio la città. Il suo sacrificio e il suo addio finale sono probabilmente tra le istantanee che rimangono più impresse del terzo capitolo della saga originale, che non brillava per la linearità della trama.

 

spidds

 

  1. La morte di Gwen Stacy in The Amazing Spiderman – Il Potere di Electro

Lo trovo un finale struggente quello del secondo capitolo della seconda saga. La tormentata ma travolgente storia d’amore che lega Peter e Gwen giunge al capolinea con l’improvvisa e tragica morte di Gwen e questo è un duro colpo sia per Peter che per tutti i fan. Riuscire a rialzarsi da un simile sconforto emotivo e tornare a combattere per tutto quello in cui credeva diventa il leit-motiv delle scene conclusive del film. Una dualogia cinematografica che ci lascerà malinconici, ma soddisfatti per i positivi messaggi lanciati nel corso delle due pellicole, che, pur non spiccando per la caratterizzazione dei villain, hanno sicuramente fatto il loro nel farci apprezzare il duo di protagonisti.

Un commento

  1. Io sono sempre stato un fan di Spiderman fin da bambino. A me sono piaciuti molto i primi 3 film e nonostante il terzo sia il più criticato rimane uno dei miei preferiti. E anche la scena quando Peter si allontana da Mary Jane dopo che lei gli ha confessato il suo amore è una delle mie preferite.
    Non li vedo da anni, però. Magari oggi guardandoli con occhio più critico ci troverei errori di sceneggiatura, però rimarrebbero comunque tra i miei preferiti. Sono quelle opere che ti rimangono dentro sempre e comunque fino alla tomba ^_^

    Piace a 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...