Recensione di “Circe” di Madeline Miller

Buongiorno, amici lettori.

Oggi parliamo di un libro che hanno letto in molti e di cui si è parlato tantissimo su Instagram, ovvero Circe di Madeline Miller.

DI COSA PARLA CIRCE?

Circe è un romanzo sentimentale che rielabora la figura mitologica della maga Circe, divenuta famosa grazie all’Odissea.

È un libro che esplora le origini della figlia di Elios, dalla nascita, alla punizione di Prometeo, passando per la scoperta dei poteri da maga fino al periodo relativo al suo esilio. È un libro molto dettagliato che ripercorre molti miti anche soltanto connessi con la figura di Circe.

IL MIO GIUDIZIO

51UoxkmQ3RL

Credo che, a differenza de “La canzone di Achille” (altro romanzo della Miller), Circe abbia un inizio un po’ più lento e, a tratti, troppo descrittivo. Ciononostante, ancora una volta mi sento di spendere solo complimenti per lo stile e l’immaginazione dell’autrice.

Infatti, Circe è un romanzo che parla di sentimenti, di vita vera e di delusioni. Circe è una perdente letteraria, una perdente di cui non ci si può innamorare. Ricordo pochi personaggi sfortunati e circondati da cattiverie e amarezza come la maga protagonista del romanzo della Miller.

Eppure, forse parlare di perdente è un po’ eccessivo, perché Circe è una donna forte, che riesce a resistere ai dolori, alle porte sbattute in faccia, alla solitudine e alle mancanze.

LA FORZA DI SOPRAVVIVERE SENZA AMORE

Circe riesce nell’intento di vivere la sua vita, senza vacillare, anche quando tutte le illusioni di una vita migliore e piena di amore cadono al tappeto.

Il romanzo della Miller ci accompagna delicatamente in una storia di solitudine e disincanto che permette di fare emergere la resilienza e l’immenso spirito vitale di un personaggio in grado di sopportare, di tenere duro e di accettare quel briciolo di bene che gli viene concesso nella vita.

Leggendolo, mi sono ritrovato a pensare più volte su quanto sia difficile, a volte, tenere botta alle delusioni della vita e a un amore che sembra non arrivare mai, in una vita inframmezzata da piccoli e grandi episodi di cattiveria gratuita.

Circe prende atto della situazione e trova sempre le forze di sopravvivere ed è un traguardo ai miei occhi incredibile.

 

In conclusione mi sento di dire ancora che la Miller riesce a narrare storie dense di sentimento che si trasformano in meravigliose esplorazioni all’interno dell’animo umano. È una lettura che consiglio a tutti.

POTETE ACQUISTARLO QUI!

4 pensieri riguardo “Recensione di “Circe” di Madeline Miller

  1. L’ho visto in libreria, sono stato tentato di comprarlo ma all’ultimo ho desistito: vivo sempre con un misto di ansia e sospetto queste rivisitazioni di personaggi e storie della cultura classica, e ho l’impressione che molto spesso rischino di essere (volutamente?) travisate e storpiate – vedi la controversia su Medusa dell’anno scorso.

    Però il libro su Achille mi interessa davvero tanto e sono curioso, almeno quello, di vedere come è.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...