Recensione di “L’editore presuntuoso” di Sandro Ferri

“Il prodotto interessa relativamente; molto più importanti sono gli strumenti attraverso i quali i consumatori verranno convinti ad acquistarlo.”

41DId-KD8NL._SY264_BO1,204,203,200_QL40_ML2_

L’editore presuntuoso è molto più di un libro. È il racconto di una grande avventura, il percorso che ha portato la casa editrice e/o a essere quello che è adesso, attraverso le intemperie di un mercato volubile e scostante come quello editoriale.

Ma è anche una riflessione lucida e lungimirante sul bookmarketing e su come è cambiato il mercato editoriale, un’analisi spietatamente lucida che evidenzia come l’editore-algoritmo abbia ormai soppiantato l’editore-soggetto.

È la presa d’atto che i tempi sono cambiati e che il prodotto letterario (il contenuto, potremmo dire) soffre in un mondo dove il mercato e le strategie editoriali sono più importanti e più decisive ai fini del successo di un’opera letteraria.

L’editore presuntuoso è stata una lettura breve ma intensa, piacevole, che fa venire voglia di tuffarsi in un’avventura incredibile ed emozionante come è quella di creare una casa editrice e andare in giro per il mondo a scovare talenti.

È un romantico testamento intellettuale che descrive lucidamente lo spartiacque fra il tempo che è stato e un’epoca del tutto nuova in cui sono cambiate tutte le regole.

Un libro che consiglio soprattutto ai membri della bookcommuntiy per mettersi in discussione e domandarsi quanto il loro lavoro e i loro contenuti siano importanti all’interno delle dinamiche del mercato editoriale.

POTETE ACQUISTARLO QUI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...