Goodbye 2016, Goodbye Penny Dreadful

Scrivo questo pezzo, immaginandomi in sottofondo la canzone di James Blunt “Goodbye My Lover”, che credo sia sempre azzeccata quando si tratta di addii e commiati. E questo pezzo vuole essere una dedica, un tributo a quella che è stata una serie sorprendente, che ci ha regalato tanto nel corso delle sue (sole) tre stagioni.

Prima di tutto bisogna chiarire che stiamo parlando di Penny Dreadful, serie statunitense a tema horror, ispirata da alcune pubblicazioni del XIX secolo, dette per l’appunto “penny dreadful”. La storia, che viene ripresa dall’ideatore John Logan e trasposta sui teleschermi di tutto il mondo, vede un intreccio che coinvolge i più importanti personaggi della letteratura anglosassone di età vittoriana. I vari Frankenstein, Dorian Gray, Dracula ruotano attorno alla carismatica protagonista, Vanessa Ives, portata sulle scene da una meravigliosa e ammaliante Eva Green (protagonista anche nell’ultima opera di Tim Burton).

pd2

La serie è stata, a mio modo di vedere, uno dei migliori esperimenti di questi ultimi anni ed è riuscita magistralmente nell’intento di produrre uno show ricco di spunti, di richiami, di cultura. Uno show capace di emozionare con le sue vicende e con i suoi personaggi.

Penny Dreadful ci ha portati in un’atmosfera horror d’altri tempi, perfettamente realizzata, che ha fatto da sfondo a una storia sempre avvincente e coinvolgente, che non ci ha mai fatto perdere interesse. E proprio il mood della serie TV è forse il suo punto di forza. La grandezza e l’abilità di chi ha lavorato dietro le quinte per realizzare lo show ha permesso di trasportare gli spettatori in un mondo gotico e seducente, un mondo di ombre, dominato da un destino crudele, a tratti manovrato da entità maligne. Un mondo dal sapore e dalla ricercatezza letterarie, in cui ogni particolare si rivela azzeccato.

pdd

Non mi capacito della prematura fine della serie, che ha avuto uno sviluppo di sole tre stagioni, e che, a giudicare dalle parole di Logan, si è conclusa nel modo preventivato sin dall’inizio. Non me ne capacito perché il potenziale di questa serie era pressoché infinito e il numero di personaggi che avevano attratto l’attenzione e la curiosità dei telespettatori era cospicuo. C’erano tante storie che andavano approfondite, tanti epiloghi che dovevano ancora giungere e tanti personaggi che erano appena stati presentati allo spettatore.

Episode 309

Un finale che ci lascia con l’amaro in bocca e porta i fans a gridare allo scandalo per una conclusione così “traumatica”. E difatti Penny Dreadful non ci coccola verso un lieto fine, non ci accompagna verso un epilogo adeguato. Ci mostra il dramma di una fine orribile, che non può essere contrastata. Il dramma di un male che ha sconfitto la protagonista, ma che non ha fatto perdere la speranza a chi le è sempre stato accanto. Un dramma che brucia ancora nella mente e nel cuore di coloro che sono stati costretti a dire addio a questa splendida serie.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...