Il pilot di Killing Eve: il nuovo show BBC con Sandra Oh

A volte credo che Grey’s Anatomy mi sia entrato troppo sotto la pelle, dal momento che ho scelto di iniziare questa nuova serie Tv soltanto per la curiosità di vedere Sandra Oh disimpegnarsi in un ruolo completamente differente da quello di dottoranda nell’ospedale più famoso (e disperato) della televisione americana.

Killing Eve è un nuovo show televisivo, anch’esso – come capita spesso ultimamente – tratto da opere letterarie (nel caso specifico facciamo riferimento ai romanzi di Villanelle di Luke Jennings), adattato nella sua versione televisiva da Phoebe Waller-Bridge. La trama della serie appare abbastanza chiara già dal primo episodio. Killing Eve intende portare sul teleschermo le storie di due personaggi femminili, che, nel bene e nel male, vogliono risultare intriganti, complessi e pieni di contraddizioni. Il primo, Eve (il personaggio della Oh), è un analista dell’MI5, un’unità dei servizi segreti britannici, mentre il secondo, Villanelle (Jodie Comer), è un ricercatissimo sicario, che manifesta i sintomi di una evidente psicopatia.

Rellik

Descrivendo in questo modo la serie, mi verrebbe da pensare che lo show potrebbe essere – coi dovuti distinguo – una versione al femminile di Hannibal (con due personaggi molto controversi chiamati a scontrarsi in una lotta tra bene e male che andrà via via perdendo i contorni).

Ciò che mi sembra chiaro dal primo episodio di Killing Eve è che Eve dovrà essere un personaggio molto dinamico per tenere a galla lo show. Sandra Oh, infatti, ha dato molte sfaccettature al suo personaggio, facendolo apparire, a tratti comico, a tratti persino disturbante. Si legge nell’analista dell’MI5, infatti, una fascinazione per gli omicidi che rende la protagonista positiva una pedina molto intrigante, che, però, dovrà essere resa al meglio col progredire della serie.

killi

Il materiale sembra esserci tutto e Jodie Comer, nei panni di Villanelle, se possibile, ha impressionato anche più della Oh (ma forse il suo personaggio era più facile da rendere appetibile a un pubblico assetato di “sangue”).

Tuttavia ritengo che la serie abbia già manifestato alcuni difetti da non trascurare. Il livello dei dialoghi, ad esempio, a volte, l’ho ritenuto insufficiente, con troppe frasi stereotipiche da personaggi polizieschi che mi sono piaciute pochissimo. Oltre al fatto che i personaggi di Eve e del marito per funzionare davvero dovrebbero certamente attenuare le sfumature comiche per dare maggiore risalto a tratti caratteriali più affascinanti per una serie che si caratterizzerà per i toni foschi e le atmosfere oscure!

2 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...